Favignana, Dopo 11 Anni Torna Attiva la Storica Tonnara: Tradizione e Sostenibilità

Dopo un lunghissimo e complicato percorso politico, sta per riaprire la storica tonnara di Favignana, in Sicilia. Una delle più grande strutture fisse di questo tipo nel Mediterraneo, indissolubilmente legata alla cultura della più grande delle Isole Egadi, infatti ha ricevuto finalmente il via libera dal Ministero delle politiche agricole e nei prossimi mesi potrà tornare a calare le reti per la pesca al tonno rosso. “Siamo all’ultima fase del percorso ovvero quello dell’attribuzione della quota, che deve essere assegnata dal Ministero, e che certamente  deve essere tale da rendere l’insediamento economicamente sostenibile oltre che altamente produttivo” ha spiegato l’assessore all’Agricoltura della Regione siciliana Edy Bandiera, aggiungendo: “Il via libera giunge a termine di un’operazione strategica per la Sicilia e per il rilancio dell’intero indotto delle Isole Egadi. È stato un complesso e proficuo lavoro di squadra con il Comune per far valere le ragioni legate alla produttività della struttura per la ripresa delle attività di pesca del tonno rosso che sarà affidata all’azienda Nino Castiglione”.

“È un momento storico non solo per questa comunità. Farà bene a tutta la nostra economia, finalmente si intravede un percorso importante di valorizzazione del tonno rosso” ha dichiarato Nino Castiglione, amministratore dell’azienda che dagli anni ’80 ha gestito l’attività. Si tratterà di un nuovo inizio che ovviamente sarà molto lontano dai fasti del passato ma che per tutti gli abitanti di Faviginana rappresenta un rilancio per l’economia locale nel rispetto dell’eco sostenibilità. “Avevamo fermato la tonnara nel 2007, in un periodo in cui si pescava troppo e non c’erano più i parametri di eco-sostenibilità. Adesso per fortuna la fauna marina è cambiata” ha spiegato lo stesso Castiglione.

“Sarà la tonnara più eco-compatibile d’Italia” ha confermato anche il sindaco, aggiungendo: “Penso ai tanti nostri ragazzi che aspettano di diventare tonnaroti, ma anche alle attività che trarranno beneficio, il museo negli ex stabilimenti Florio e i ristoranti che potranno servire un prodotto di eccellenza. Credo davvero che si possa coniugare lo sviluppo economico a una corretta tutela ambientale”. A gennaio dunque si inizieranno a mettere a posto reti e imbarcazioni per essere pronti quando a primavera passeranno davanti alle coste di Favignana i banchi di tonni e si potrà tornare a mettere in funzione la tonnara.

[leggi su fanpage.it]

Condividi: Facebook Twitter

Dì la tua

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.