Cala Rossa a Favignana

Il capitolo che segue è un estratto del libro ebook “Favignana Guida ai punti di interesse”, disponibile su Amazon e su Kobostore. Il testo, nell’ebook e nel libro cartaceo è arricchito con note contenti informazioni e dati aggiuntivi.

È la baia più famosa dell’isola, caratterizzata da un azzurro che toglie il fiato, grazie al fondo sabbioso, non c’è però spiaggia e l’accesso al mare è dagli scogli. Per raggiungerla bisogna pedalare un po’, ma merita la fatica, l’arrivo è suggestivo perché l’azzurro spunta tra i resti delle cave di tufo che formano delle specie di torri. 

Per raggiungerla dalla Piazza Madrice conviene uscire dal paese verso est e seguire le indicazioni. Alla fine, se non vi siete persi, avrete percorso circa 4 km, di cui gli ultimi 700 m su una strada sterrata bianca.

Perché si chiama Cala Rossa?

Si dice che il nome Cala Rossa abbia origine storica, il fatto che si tramanda è che in queste acque si svolse la prima guerra punica, quando i romani sconfissero i cartaginesi nel 241 a.C. e si racconta che nella battaglia navale morì così tanta gente che il mare si tinse di rosso (da qui il nome). In realtà le recenti ricerche archeologiche hanno dimostrato inequivocabilmente che la battaglia si svolse a nord di Levanzo, lontano da Cala Rossa. A nord di Levanzo sono stati infatti ritrovati numerosi reperti sul fondo del mare (rostri, ancore, elmi, etc.). L’etimologia del nome va quindi cercata da un’altra parte: forse nelle rocce più rossicce presenti sul lato sinistro della baia (guardando il mare).

La cala è orientata verso nord e va visitata quando soffia il vento da sud o lo scirocco da sud-est.

Intorno non ci sono veri bar, ma un paio di food truck nei mesi estivi si piazzano nei dintorni per vendere ai numerosi turisti. Se pensate di passare qui la giornata, vale la pena preparare un pranzo al sacco e mangiare sugli scogli.

Una ricostruzione della battaglia delle Egadi del 241 a.C. e i reperti archeologici recuperati sono esposti al museo dell’Ex Stabilimento Florio.

Una foto della bellissima Cala Rossa a Favignana, tratta da Internet. Va bene quando c’è scirocco.

Condividi: Facebook Twitter

Commenti

  1. La battaglia non si svolse a Cala Rossa, ma a nord di Levanzo. Si tramanda quindi una tesi suggestiva ma senza fondamento storico

    https://trapani.gds.it/foto/cultura/2021/09/05/la-battaglia-delle-egadi-ecco-come-sebastiano-tusa-riscrisse-la-storia-6765f34c-4d24-41b3-a267-d517ef324959/1/

    Rispondi

    1. Ma certo! Chiedo scusa per l’errore su questa pagina, non avevo aggiornato. La guida cartacea è stata corretta nel 2018. Grazie per la segnalazione.

      Rispondi

Dì la tua

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.