A Favignana serve davvero un nuova centrale elettrica a gasolio?

Su questo sito un software legge e cataloga automaticamente le notizie su Favignana. Questa notizia sulla costruzione di una nuova centrale elettrica a gasolio a Favignana non è stata però ripresa da altri giornali e di questo ci dispiaciamo perché la riteniamo importante da un punto di vista ambientale.

L’isola ha già una centrale elettrica che brucia gasolio, non è bella, è abbastanza nascosta, vicino al cimitero, scarica in mare le acque di raffreddamento e nei pressi dello scarico, da ragazzi, d’estate siamo andati a fare il bagno di notte in una caletta battezzata Acque Calde.

La centrale inquina, non solo perché brucia, ma perché è una centrale vecchia e le cisterne del gasolio negli anni hanno perso gasolio e inquinato la falda. Questa vecchia centrale da sola d’estate non regge e capitano i blackout e il razionamento della fornitura. E’ un classico estivo di Favignana: “non c’è la luce, c’è troppa gente e la centrale non ce la fa”.

Un nuovo impianto, quindi, servirebbe, ma non si può proprio evitare di bruciare il gasolio? Non possiamo obbligare tutte le case dell’isola ad avere i pannelli fotovoltaici sul tetto? Non possiamo fare una centrale solare e/o eolica? A Favignana c’è sempre sole e vento. Al limite, non si può collegarla alla rete elettrica siciliana?

C’è davvero la necessità di costruire una centrale più grande vicinissimo ai posti più belli di Favignana? E’ pur sempre un parco nazionale questo, un’Area Marina Prottetta.

Segue l’articolo di Repubblica Palermo 

Favignana, Guerra Sulla Nuova Centrale Elettrica a Gasolio. La Regione Invia il Commissario

L’impianto dovrebbe essere realizzato tra Cala Azzurra e il Bue Marino. Contrari il sindaco e il consiglio comunale, ma l’assessorato regionale al Territorio e Ambiente ha convocato l’assemblea per la variazione del piano paesaggistico

Una nuova centrale a gasolio a circa 350 metri dal mare di Cala Azzurra e a 500 da quello del Bue Marino. Favignana, amministrazione comunale compresa, dice “no” al rischio di veder realizzato un impianto industriale, a evidente impatto ambientale, in una delle zone più belle dell’isola, tutelata dal Piano paesaggistico e dell’Area marina protetta delle Egadi. Progetto in mano alla Sea spa – società che produce energia elettrica per l’intera isola di Favignana…
[leggi su palermo.repubblica.it]

213321441 96bebe8d 718e 4eec 9024 29f34e23db93

Condividi: Facebook Twitter

Commenti

  1. VERGOGNAAAAAA: è SEMPLICE, ENERGIA EOLICA!!!!! AIUTA L’AMBIENTE E LE TASCHE DEI CITTADINI GIà ULTRATASSATI!!!!!!

    Rispondi

Dì la tua

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.